Artrite

Cos’è l’artrite? Tipi, sintomi, cause e come curarla

L’artrite è una patologia diffusa dell’apparato locomotore che causa tanti sintomi sgradevoli e porta alla disabilità. Dopo i 40 anni, ogni persona si trova nella zona di rischio dello sviluppo di questa malattia.

Cos’è?

L’artrite è il nome di un gruppo di malattie con un diverso meccanismo di apparizione, caratterizzate dall’infiammazione dei tessuti delle articolazioni. L’infiammazione può manifestarsi in una o più articolazioni (monoartrite e poliartrite), apparire improvvisamente (artrite acuta) o svilupparsi lentamente (artrite cronica). Quest’ultima di solito si sviluppa in seguito ad un trattamento scorretto della forma acuta della malattia.

La patologia può colpire tutte le articolazioni dell’organismo, ma molto spesso colpisce le articolazioni del gomito, della caviglia, dell’anca, degli intervertebrali e delle dita (interfalangee). I cambiamenti di questa malattia spesso portano a gravi problemi di salute, fino all’interruzione del funzionamento di altri sistemi di organi e all’invalidizzazione.

Tipi dell’artrite

A seconda della causa, nella classificazione internazionale si distinguono i seguenti tipi di questa patologia:

  • Reumatoide è una forma grave della patologia che colpisce i tessuti di tutte le articolazioni dell’organismo. In caso dell’artrite reumatoide, l’organismo produce delle proteine ​​specifiche che attaccano i propri tessuti dell’organismo e causano l’infiammazione sistemica.
  • Distrofica: viene causata dalla degenerazione (distruzione) dei tessuti periarticolari. Può verificarsi durante il processo dell’invecchiamento, durante una carenza acuta di micronutrienti importanti o come conseguenza di altre malattie (oncologia maligna, diabete mellito, epatite).
  • Traumatica: si verifica in conseguenza di una lesione precedente. È pericolosa perché può svilupparsi anche dopo diversi anni in seguito ad una lesione meccanica dell’articolazione.
  • Infettiva: si verifica a causa di una lesione del tessuto dell’articolazione provocata da un’infezione virale, batterica o fungina.
  • L’osteoartrite è causata dalla distruzione, dovuta all’età, del tessuto cartilagineo dell’articolazione e si sviluppa fino ad 80 anni praticamente in ogni persona.

Sintomi

I sintomi iniziali dell’artrite si manifestano lievemente e non influiscono sulla qualità della vita di una persona. Man mano che il processo patologico si sviluppa, compaiono dei sintomi generali caratteristici di qualsiasi altro tipo di malattia:

  • La sindrome del dolore: una persona viene colpita dai dolori di varia intensità, soprattutto quando si muove. Hanno un carattere ondeggiante e si intensificano di notte o verso il mattino.
  • I sintomi dell’infiammazione: il gonfiore e l’arrossamento della pelle nella zona dell’articolazione colpita, l’aumento della temperatura locale.
  • La limitazione della mobilità articolare: il paziente fa fatica a muoversi, il movimento viene spesso accompagnato da uno scricchiolio.
  • La riduzione dell’attività motoria generale: dei dolori forti impediscono bruscamente a fare qualsiasi movimento.
  • I sintomi dell’intossicazione generale dell’organismo: la debolezza, la diminuzione della capacità di lavorare, l’affaticamento costante e l’aumento della temperatura corporea.

È importante ricordare che i segni e l’intensità dei sintomi possono variare a seconda del tipo e della forma dell’artrite (acuta o cronica). La comparsa di qualsiasi dolore duraturo è un motivo per consultare gli specialisti.

Diagnostica

La diagnostica dell’artrite inizia con la visita presso un reumatologo, un traumatologo, un dermatologo, un infettivologo e un tisiologo. Per fare una diagnosi accurata, è necessario sottoporsi ai seguenti esami:

  • Le analisi cliniche generali.
  • L’analisi del liquido articolare (sinoviale).
  • L’analisi della presenza dei fattori infiammatori.
  • L’esame ultrasonoro.
  • L’esame radiologico.
  • La tomografia computerizzata.
  • La tomografia per risonanza magnetica.

Trattamento dell’artrite

Il trattamento della patologia dipende dal tipo, dalla gravità e dalla forma dell’artrite. La cura ha lo scopo di eliminare la sindrome del dolore, le cause della malattia e ristabilire il normale funzionamento dell’articolazione. Va notato che il trattamento dell’artrite è sempre un processo duraturo, complesso e sistematico, che comprende: la terapia farmacologica (medicamentosa), l’uso dei metodi di fisioterapia, il controllo del carico che grava sulle articolazioni e una dieta speciale.

pomata per artrite

Trattamento farmacologico

I seguenti rimedi per l’artrite hanno dimostrato un effetto elevato:

  • I farmaci antinfiammatori e analgesici utilizzano due tipi di preparati farmacologici: i farmaci antinfiammatori ormonali (glucocorticosteroidi) ed i farmaci antinfiammatori non steroidei. Essi possono essere assunti sotto forma di compresse, iniezioni, creme per uso esterno, gel e unguenti. Tuttavia, tali farmaci eliminano solo il dolore ed hanno una serie di reazioni collaterali e restrizioni sulla durata dell’assunzione.
  • I condroprotettori sono dei preparati contenenti l’acido ialuronico, la glucosamina e la condroitina. Questi ultimi sono dei composti proteici che compongono le strutture dell’articolazione.
  • I miorilassanti sono dei farmaci che eliminano gli spasmi muscolari, spesso accompagnati dai dolori articolari.
  • I preparati a base di componenti naturali sono degli additivi alimentari, nonché creme, gel e unguenti con gli integranti naturali. Dei bei risultati si ottengono con i prodotti a base di estratti vegetali di calendula, mentolo, canfora e arnica, che aiutano ad alleviare efficacemente il dolore, fermare l’infiammazione e ridurre il gonfiore. Questi farmaci si vendono senza la prescrizione medica e possono essere assunti a lungo durante la terapia sistemica. Uno di questi è la crema per l’artrite Artoflex.
  • I complessi di vitamine e minerali sono gli integratori con le vitamine A, B, C, D, E, zinco, selenio, rame e magnesio, che vengono considerati come materiale da costruzione del tessuto osseo. Hanno un effetto tonificante generale, stimolano i processi rigenerativi e rafforzano il sistema immunitario.

Fisioterapia

La fisioterapia ha un effetto positivo sull’apparato locomotore ed aiuta a ripristinare la biomeccanica naturale delle articolazioni, previene gli stati congestizi, elimina il dolore provocato dall’artrite e migliora la nutrizione articolare. Tra i metodi più efficaci di fisioterapia, utilizzando le onde di varia frequenza, si distinguono le procedure magnetiche, ultrasoniche, laser, acustiche (terapia con le onde d’urto).
Durante il trattamento delle malattie infiammatorie delle articolazioni devono essere prescritti i corsi di massaggio e la terapia manuale. Inoltre, l’idroterapia (il trattamento con l’acqua) e l’agopuntura, un metodo della medicina cinese, che consiste nel posizionare gli aghi speciali nei punti biologicamente attivi dell’organismo, si sono dimostrate molto efficaci.

Controllo del carico sulle articolazioni

Tutti i tipi di artrite richiedono il controllo del carico sulle articolazioni e l’integrazione di un’attività fisica moderata nello stile di vita. A seconda dell’età e della gravità della malattia, i medici stabiliscono individualmente un programma giornaliero di cinesiterapia (terapia fisica curativa). Può essere prescritto l’uso di bende, solette ortopediche, ortesi.

Dieta speciale

In caso di malattie infiammatorie delle articolazioni, è possibile alleviare la condizione e rallentare la progressione della patologia, aderendo ad una dieta terapeutica speciale. Una dieta ben programmata fornisce al corpo le vitamine e i minerali necessari e aiuta anche a controllare il peso del corpo.

Le raccomandazioni sulla nutrizione in caso dell’artrite:

  1. Limitare l’assunzione di sale e zucchero. Il consumo eccessivo di cibi ricchi di sale e zucchero contribuisce all’interruzione dell’equilibrio minerale, alla ritenzione dei liquidi nell’organismo e all’aumento del livello dei fattori che provocano l’infiammazione.
  2. Aggiungere alla razione i prodotti antinfiammatori per l’artrite. Le persone con l’artrite hanno bisogno di mangiare più frutti di mare, l’olio non raffinato e i semi, ricchi di acidi grassi polinsaturi Omega-3 e Omega-6, le sostanze con l’effetto antinfiammatorio. I frutti di mare contengono anche molto collagene naturale, necessario per ricostruire il tessuto articolare.
  3. Mangiare più verde e frutti di bosco, che contengono una grande quantità di vitamine e antiossidanti necessari per rimuovere le tossine e i radicali liberi dall’organismo. Il verde contiene molta clorofilla, che aumenta la quantità di collagene nell’organismo.
  4. Mangiare meno grassi possibili. Si tratta di oli non raffinati e di cibi fritti che aumentano i fattori di infiammazione nell’organismo. Inoltre, con essi, una persona consuma molto più grasso del necessario.

Prevenzione dell’artrite

Delle semplici regole possono aiutare a prevenire lo sviluppo dell’artrite e a mantenere la salute in buono stato:

  1. Mantenere uno stile di vita sano: smettere di fumare e di fare l’abuso di alcol e caffè previene la perdita di minerali, vitamine e microelementi necessari per una normale funzione del tessuto osseo.
  2. Seguire una dieta equilibrata: mangiare il cibo ricco di sostanze nutritive previene qualsiasi infiammazione.
  3. Controllare il peso corporeo: il sovrappeso aumenta il carico sull’apparato locomotore, che può provocare un’usura precoce delle articolazioni.
  4. Fare l’attività fisica moderata: uno stile di vita sedentario e, al contrario, delle attività sportive eccessive influiscono negativamente sulla funzione delle articolazioni.
  5. Eseguire il trattamento tempestivo delle malattie infettive: anche i più piccoli raffreddori devono essere curati in tempo, poiché le infezioni sono un fattore frequente nello sviluppo dell’artrite.
  6. Effettuare la diagnostica preventiva: i medici consigliano di sottoporsi ad una diagnostica completa di tutto l’organismo per varie patologie una volta all’anno al fine di identificare in tempo le possibili cause dell’artrite.

Dopo i 40-50 anni, gli integratori naturali a base vegetale possono essere assunti in brevi periodi di cura per prevenire le malattie delle articolazioni e delle ossa.

Alberto Guerrini

Specializzanda in medicina dello sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button